Bridge The Gaps ha a cuore l’integrazione di tutte quelle fasce che per svariati motivi necessitano di un’opportunità di riscatto sociale  al fine di potersi rimettere in gioco.

Solo contrastando il digital gap e costruendo le condizioni per l’uguaglianza delle opportunità nell’utilizzo della rete si possono offrire nuove  condizioni  di dignità lavorativa ed indipendenza.

Per l’integrazione di immigrati e rifugiati: la formazione è svolta con lo scopo di accelerare il processo di integrazione dei cittadini stranieri. La finalità è quella di facilitare il percorso scolastico dei giovani e l’inserimento lavorativo degli adulti.

Personale qualificato e capace di familiarizzare con la tecnologia è sempre più ricercato in qualsiasi ambito lavorativo, spendersi questa competenza può rappresentare per loro una buona opportunità.

Ma al centro dei corsi di Bridge The Gaps non c’è solo la tecnologia; ogni gruppo lavora sui principi del team working, del learning by doing imparando a interagire con gli altri e sperimentando nuove tecniche di apprendimento.

I corsi di alfabetizzazione informatica sono tenuti da coach con anni di esperienza nell’ambito della formazione e hanno l’obiettivo di far acquisire competenze trasversali spendibili nella vita di tutti i giorni così come in ambito lavorativo.

Per il carcere minorile: Bridge The Gaps organizza corsi di tecnologia a 360° per tutti i ragazzi e le ragazze del carcere minorile che vogliono acquisire dimestichezza sul coding, l’elettronica, la robotica, il making e la stampa 3D partendo dall’acquisizione di nozioni base fino a corsi verticali specializzati.